Lettera

Perché l’80% delle persone pensa ancora che il CBD sia illegale?

Se impegno tanto del mio tempo per condividere con voi quello che so del CBD, è prima di tutto per far luce su alcuni fraintendimenti ed errori che si fanno riguardo questa molecola. Per le persone in generale la canapa, il CBD e la cannabis appartengono al mondo segreto delle droghe illegali ricreative, è quasi tutti non sanno che il CBD può essere usato come integratore alimentare efficace dalle proprietà interessanti.

Il cannabidiolo, o CBD, viene estratto dalla canapa, una pianta della famiglia della cannabis. Gli scienziati hanno scoperto diversi benefici del CBD, in molti paesi è stato legalizzato come farmaco terapeutico. Tuttavia molti altri Paesi e nazioni del mondo non hanno ancora autorizzato la sostanza.

Circolano vari miti riguardo il CBD:

  • Alcuni pensano che sia in grado di farti sballare.
  • Altri dicono che è una bolla finanziaria comparano il mercato del cannabidiolo al Bitcoin.
  • Altri credono che questa molecola non abbia effetti terapeutici e che la sua vendita sia una frode basato sul marketing.
  • Alcuni paesi (molto pochi) continuano a proibirla solo perché viene estratta dalla canapa/marijuana/cannabis.

Punti di vista contrastanti e fraintendimenti

Alcune persone ritengono che con l’uso del CBD si possa perdere la salute mentale, ma questo è solo un mito senza alcuna prova. Il CBD è privo di qualsiasi sostanza che possa causare “sballo”. Nonostante questo molti pensano che il cannabidiolo sia dannoso per il corpo e che sia in grado di rovinare la vita delle persone. Chi dice questo ha torto marcio, e vive in un mondo dove regnano fraintendimenti ormai smentiti dai benefici medici noti in tutti i Paesi in cui il CBD è legale da tempo.

I benefici del CBD

Nelle Nazioni dove il CBD è legale i suoi benefici sono ben noti, e le persone ne traggono grande vantaggio, dato cheallevia il dolore ed è in grado di dare un senso di pace e serenità. Agisce come antidolorifico ma non ha gli effetti collaterali tipici dei normali antidolorifici. Nonostante questo circa l’80% delle persone pensa ancora che questa molecola sia illegale.

Il CBD è usato anche nello sport, dato che i suoi componenti chimici non sono proibiti. Dal primo gennaio 2018l’Agenzia Mondiale Antidoping autorizza l’uso del cannabidiolo, avendolo rimosso dalla lista delle sostanze chimiche proibite. Invece puoi star certo che il THC (che è la sostanza che ti causa lo sballo) resterà su questa famosa lista ancora a lungo!

La situazione attuale

La maggior parte dei paesi considerano il CBD legale, se creato e prodotto da organizzazioni autorizzate in base alla legge vigente, che in Italia dice che un prodotto è legale solo se c’è assenza di efficacia drogante, quindi un tasso di THC inferiore allo 0,2%. Diversamente la sostanza viene considerata illegale e può essere reato coltivarla o produrla. Alcuni credono che la legge sia davvero permissiva e cominciano a coltivare cannabis illegale, diversa dalla canapa industriale.

Negli Stati Uniti la FDA ha inviato varie lettere di avvertimento alle società che commerciano il CBD per i suoi benefici terapeutici, e per la sua capacità di trattare malattie e disturbi. Negli ultimi anni queste operazioni hanno tenuto molto impegnati gli uomini della Food and Drug Administration!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *