Lettera

I 10 errori più comuni legati al CBD che si fanno all’inizio

All’inizio tutti sono principianti, e quando si parla di CBD possiamo tranquillamente dire che tutti abbiamo fatto almeno una volta uno di questi errori nelle prime fasi dell’uso di CBD.

Scegliere un olio di scarsa qualità

Il CBD viene estratto dalla canapa. La qualità della canapa può variare, non è sempre la stessa. Alcune qualità di canapa sono mediocri perché questa pianta è un bioaccumulatore. Questo significa che estraggono le tossine dal suolo, e queste tossine vanno poi a finire nel prodotto che acquisti. Ne possono derivare dei danni alla salute. Il modo migliore per ottenere prodotti basati su canapa organica di buona qualità è comprarne un tipo che venga cresciuto e processato in base agli standard di qualità più alti. Un olio di CBD di buona qualità non dipende solo da una pianta di qualità, ma anche dal metodo di estrazione, che è fondamentale per stabilire la qualità finale dell’olio: le tecniche di estrazione economiche usando solventi all’etanolo sono metodi non all’avanguardia ma ancora usati da molte aziende produttrici.

Iniziare con troppo CBD

Segui le istruzioni sulla bottiglia per iniziare. Di solito le istruzioni ti diranno di iniziare da 20 gocce due volte al giorno. Per molti questa quantità, pur ridotta, può comunque essere eccessiva nella fase iniziale. In questi casi possono comparire dei sintomi come dolori articolari, febbre e dolori in vari punti del corpo.

Iniziare con troppo poco CBD

Come abbiamo detto in precedenza ogni persona ha diversi meccanismi di assunzione e capacità di assorbimento; quindi una quantità troppo bassa di CBD potrebbe non essere sufficiente ai propri scopi. Il CBD non crea dipendenza e non ha il potenziale di portare ad uso abusivo. Sebbene per alcuni i risultati possono apparire quasi subito dopo l’assunzione delle dosi, nel caso di altri ci potrebbe volere un po’ di tempo perché il corpo reagisca. Poi aumentare la dose consigliata di 20 gocce in breve tempo di una o due gocce in questo caso.

Interrompere l’assunzione all’improvviso

Quando i nostri corpi iniziano ad abituarsi a una particolare sostanza, interromperla all’improvviso può essere dannoso per il corpo. Smettere di prendere il CBD solo perché non hai ancora ottenuto risultati non è la soluzione giusta. Per alcuni i risultati arrivano molto presto, partecipo vedere un po’ di tempo prima di ottenerli.

Non rivolgersi a un medico

Assumere e regolare la dose per conto tuo può essere nocivo. Al tuo corpo potrebbe servire una certa quantità di CBD, ed è possibile che le dosi che hai scelto sono del tutto sbagliate Ripetiamo, se non vedi risultati inizia ad aumentare la dose, altrimenti puoi causare confusione per il corpo. La cosa migliore è consultare un esperto di CBD prima di fare di testa tua. Lasciati guidare al meglio.

Scegliere di comprare l’olio più economico

Pensare solo al costo è una nozione sbagliata che può portare a un acquisto poco azzeccato o nocivo. Scegliere l’olio meno costoso può farti ritrovare in situazioni poco piacevoli.

Gli scienziati ne hanno scoperto vari aspetti utili, ed è diventato legale in molti Paesi del mondo mentre in alcuni altri la sua utilità non è ancora chiara e non è ancora stato legalizzato.

Qual è il tuo errore più grande quando usi il CBD?

Adesso tocca a te condividere l’errore più grande che hai fatto nella tua esperienza con il CBD; non preoccuparti, ci siamo tutti passati 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *