In questa pagina puoi trovare un riassunto delle ultime notizie e delle ricerche più recenti pubblicate su fonti scientifiche. Nella gran parte dei casi si tratta di conclusioni pre-cliniche, ottenute usando gruppi di persone poco numerosi oppure tramite osservazioni sugli animali. Dunque questo articolo o i nostri prodotti non hanno lo scopo di diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcun disturbo. Consulta un medico per il trattamento di disturbi specifici.

Il CBD o cannabidiolo è un composto che si trova nella pianta di cannabis, che sta diventando sempre più popolare in tutto il mondo per le sue straordinarie capacità medicinali.I benefici del CBD non si limitano al trattare un sintomo specifico di un dato disturbo. Al contrario, a renderlo degno di nota è l’ampiezza dei suoi possibili usi per diverse malattie. Ma è vero che il CBD può curare il cancro? Le ricerche sono ancora in corso, ed è difficile giungere a una conclusione sicura, ma ci sono stati vari studi che hanno dimostrato l’impatto del CBD sui diversi sintomi associati al cancro, sintomi causati dalla malattia in sé o dal trattamento (chemioterapia).

Un’altra cosa da sapere è che CBD e tetraidrocannabinolo (THC) non sono la stessa cosa. Diversamente dal THC, il CBD non ha proprietà psicoattive, quindi non ti fa “sballare”. Inoltre, le reazioni che causa sono del tutto diverse. Il CBD è il miglior modo per ridurre il dolore cronico e l’ansia.

Quanto ne sai sul cancro?

Il cancro è un disturbo che si verifica a causa di perturbazione nella normale proliferazione cellulare. Quando questo ciclo viene perturbato avviene una divisione incontrollabile delle cellule. A sua volta questo causa un danneggiamento del sistema immunitario, la crescita del tumore e altri problemi che possono avere esito fatale sul lungo termine. Il termine cancro in realtà raccoglie vari diversi tipi di malattie pericolose. In alcuni tipi di cancro, la crescita cellulare è più rapida, mentre in altri le cellule continuano a dividersi ma a ritmo più lento. Ogni cellula nel nostro corpo riceve delle istruzioni che le dicono di morire quando è il momento, un processo chiamato “apoptosi”. Questo è necessario perché le cellule nuove devono rimpiazzare quelle vecchie. Tuttavia, nelle cellule cancerogene avviene un’anormalità nel ciclo normale di divisione cellulare. Ciò fa sì che il corpo usi ossigeno per dare i nutrienti a cellule che si dividono in continuazione, rifiutandosi di morire.

Il CBD può sconfiggere il cancro?

Non abbiamo abbastanza prove per giungere a conclusioni circa l’efficacia del CBD come trattamento per vari tipi di cancro. Tuttavia, quanto risulta da vari studi allo stadio pre-clinico sembrerebbe che il CBD abbia del potenziale che ne giustifica ulteriori approfondimenti.

Vinci premi partecipando ai nostri concorsi !

Inserisci la tua email per partecipare al nostro prossimo concorso e vincere molti regali! Ogni mese organizziamo un concorso gratuito con prodotti per vincere. Olio di CBD, caramelle, capsule, infuso .... Non perdere questa occasione !

Non inviamo mai spam in conformità con la nostra politica sulla privacy.

In che modo il CBD aiuta contro il cancro?

Il CBD può aiutare i pazienti affetti da cancro nei seguenti modi:

  • Stimolando l’appetito:La presenza di cannabinoidi nel flusso sanguigno stimola l’appetito.
    La maggior parte delle persone che si sottopongono a chemioterapia per il cancro vanno incontro a nausea e perdita dell’appetito. Questi sintomi possono impedir loro di mantenere il proprio peso a livelli salutari. Recentemente, uno studio su umani ha comparato gli effetti di cannabidiolo (CBD), tetraidrocannabinolo (THC) – dalle proprietà psicoattive come la marijuana – e di un placebo sull’appetito e la qualità di vita di 289 pazienti con anoressia e cachessia correlati al cancro. Ai pazienti sono stati somministrati trattamenti in maniera casuale in questo modo: 1° gruppo (CBD e THC); 2° gruppo (solo THC); 3° gruppo (placebo). Ai pazienti con una terapia combinata di CBD e THC è stato riscontrato il maggior aumento dell’appetito (73%) seguito dal placebo (69%), e dal THC (58%), rispettivamente. In base a queste conclusioni, l’effetto sull’appetito del THC da solo è peggiore di quello di un placebo, mentre quando si aggiunge al CBD è risultato un aumento dell’appetito superiore al livello del placebo. Questo implica che il CBD abbia un’efficacia potenziale di miglioramento dell’appetito nei pazienti affetti da cancro. Va fatto notare che le differenze tra i gruppi che hanno partecipato allo studio non erano indicativi di significatività statistica. Dunque bisogna interpretare con cautela le conclusioni di ogni studio, senza dare per certa l’utilità di un trattamento fin quando ciò non è garantito da risultati chiari. Sono necessarie ulteriori ricerche in questo campo specifico prima di giungere a conclusioni definitive sull’utilità del CBD nella gestione dei sintomi correlati al cancro.
  • Dolore: Il cancro causa molto dolore, sia la malattia in sé che le terapie per guarirne. Il CBD riduce l’infiammazione e offre sollievo dal dolore senza causaregli effetti collaterali tipici degli oppioidi.
  • Nausea: La chemioterapia porta i pazienti a vomitare e avere la nausea. L’azione anti-nausea del CBD può evitare questo problema.

Progressi recenti nel trattamento del cancro con CBD

Nel 2018 Julian Kenyon è stato il primo a condurre studi sugli umani che investigassero le proprietà anticancerogene del cannabidiolo sintetico per usi farmaceutici. Sono stati analizzati dati tratti da 119 pazienti affetti da diversi tipi di cancro per un periodo di quattro anni. Gli autori hanno riportato reazioni cliniche al CBD nella maggior parte dei pazienti (92%) con tumori solidi, tra cui una riduzione significativa del numero di cellule tumorali circolanti in alcuni casi, e una riduzione della dimensione totale della massa tumorale, come mostrato dalle ecografie. Il CBD di tipo farmaceutico è stato ben tollerato da tutti i pazienti, e non è stato osservato alcun effetto collaterale. Gli autori hanno concluso che il cannabidiolo potrebbe essere in futuro un candidato per il trattamento del cancro, soprattutto il cancro al seno e il glioma.

Va fatto presente che, sebbene il CBD abbia evidenziato effetti molto promettenti nella gestione e nel trattamento a lungo termine del cancro, è ancora troppo presto per giungere a conclusioni sullo status del CBD in quanto trattamento per il cancro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *