In questa pagina puoi trovare un riassunto delle ultime notizie e delle ricerche più recenti pubblicate su fonti scientifiche. Nella gran parte dei casi si tratta di conclusioni pre-cliniche, ottenute usando gruppi di persone poco numerosi oppure tramite osservazioni sugli animali. Dunque questo articolo o i nostri prodotti non hanno lo scopo di diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcun disturbo. Consulta un medico per il trattamento di disturbi specifici.

medical studies on anorexiaCos’è l’anoressia nervosa?

L’anoressia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare grave potenzialmente letale, caratterizzato da rifiuto di mangiare e perdita di peso eccessiva. Chi soffre di anoressia nervosa di solito ha un peso corporeo molto basso, è ossessionato dal numero delle calorie quotidiane, e ha un bisogno eccessivo di controllare il proprio ambiente. Questi pazienti spesso tendono a basare la propria autostima sul peso e la forma del proprio corpo, e hanno difficoltà a trovare piacevole ciò che normalmente gli altri trovano piacevole.

Quali sono le cause dell’anoressia?

  • L’anoressia, che ha cause soprattutto psicologiche, è un disturbo che ha effetti negativi sul corpo. È esacerbato dalla società e dagli standard di bellezza superficiali che propone. Questo disturbo è più prevalente nelle donne. Lo scopo è quello di perdere peso corporeo in modo da migliorare il proprio aspetto estetico e avere forme perfette.
  • Spesso il tipo di carriera in cui si trova una persona ha un impatto sulla comparsa dell’anoressia, soprattutto per quanto riguarda professioni come modella e ballerina, che richiedono un tipo particolare di corpo, con forme molto magre.

Ci sono anche fattori biologici che possono influenzare il verificarsi dell’anoressia

  • Delle funzioni ormonali irregolari spesso portano all’anoressia. Il risultato è la comparsa di disturbi dell’alimentazione che hanno un impatto psicologico negativo sulla vita di un individuo.
  • Anche la genetica può avere un ruolo fondamentale. Le persone con familiari che soffrono di anoressia nervosa hanno più probabilità di svilupparla anch’essi a causa della predisposizione genetica.

Vinci premi partecipando ai nostri concorsi !

Inserisci la tua email per partecipare al nostro prossimo concorso e vincere molti regali! Ogni mese organizziamo un concorso gratuito con prodotti per vincere. Olio di CBD, caramelle, capsule, infuso .... Non perdere questa occasione !

Non inviamo mai spam in conformità con la nostra politica sulla privacy.

Il CBD può avere benefici nel trattamento di pazienti affetti da anoressia nervosa?

Purtroppo le ricerche riguardanti il numero di persone coinvolte e le conseguenze dell’anoressia non trattata sono molto limitate. È stato riportato che più di 20 milioni di donne e 10 milioni di uomini svilupperanno un disturbo dell’alimentazione ad un certo punto della loro vita, e l’anoressia è il disturbo più comune tra questi. Incredibilmente, ben il 6% dei pazienti affetti da anoressia hanno pensato al suicidio o lo hanno messo in atto.

Dato che qualsiasi regolazione disfunzionale o sbilanciamento sottostante all’interno del sistema endocannabinoide può risultare in disturbi dell’alimentazione, uno studio condotto nel 2011 ha suggerito che lo sviluppo di trattamenti a base di cannabinoidi come l’uso del CBD (mirato al sistema endocannabinoide) potrebbe avere valore terapeutico dimostrabile. La ricerca ha dimostrato che i cannabinoidi (quindi il cannabidiolo) potrebbero aiutare a correggere disfunzioni all’interno del sistema endocannabinoide e aiutare i pazienti affetti da anoressia nervosa a ritornare a condizioni più sane. Questo, tuttavia, è uno studio abbastanza ridotto, e servono sperimentazioni cliniche su grande scala per esaminare gli effetti del CBD o Cannabidiolo.

Uno studio recente ha comparato gli effetti dell’estratto di cannabis “tetraidrocannabinolo (THC) e cannabidiolo (CBD)”, del THC da solo, e di un placebo sull’appetito e la qualità di vita di 164 pazienti affetti da sindrome di anoressia-cachessia legata al cancro. I risultati hanno evidenziato un aumento dell’appetito rispettivamente del 73% nel caso dell’estratto di cannabis, 58% nel caso del THC, e 69% nel caso del placebo. Tuttavia non è stata rilevata alcuna differenza significativa tra i vari interventi per quanto riguardava l’appetito e la qualità di vita dei pazienti inclusi nello studio.

Fino ad oggi la ricerca sugli effetti del CBD da solo sui pazienti anoressici è molto limitata, dunque è sconsigliato utilizzare l’olio di CBD per il trattamento dell’anoressia fin quando i suoi effetti benefici e il suo profilo di sicurezza non è confermato da sperimentazioni cliniche su ampia scala.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *